ECCO LA STORIA DELLA NOSTRA COMUNITA'.

In un documento della Curia di Milano si fa menzione del “campanile” di S. Andrea di Varano Borghi nel 1059 (periodo Romanico). Nel 1574 S. Carlo Borromeo fu a Ternate e si parla delle visite fatte a Varano, Egli fece togliere il “Battistero dalla Chiesa di S. Andrea” in quanto non ancora consacrata, e diede ordine che i bambini fossero battezzati a Ternate. Nel 1578 in una successiva Visita Pastorale fu consacrata la Chiesa di S. Andrea. Nella visita del 1609 il Card. Federico Borromeo ( cugino di S. Carlo) emanò alcuni decreti:
1.    il Cappellano di Varano doveva recarsi alle feste di Ternate per i Vesperi, Processioni, Messe in canto; sotto pena di pagare uno scudo d'oro alla Parrocchia di Ternate.
2.    uno per famiglia andasse a Ternate alla S. Messa festiva.
In successive visite pastorali viene menzionata spesso la Chiesa di S. Andrea di Varano. Nel 1800 la Chiesa di S.Andrea fu demolita, rimase solo la torre campanaria, che subì superficiali trasformazioni. Nel 1859 Luigi Borghi, il patriota che accolse Garibaldi sulla sponda lombarda del Ticino, depose la prima pietra della seconda Chiesa di S. Andrea (Maggio 1859) che fu officiata fino al 1904. Nell'anno 1904 viene inaugurata la nuova ed attuale Chiesa, dono della famiglia Borghi.
Dal 1905 al 1957 la vecchia Chiesa di S. Andrea fu adibita ad asilo Infantile. Nel 1967 venne demolita per erigervi l'attuale edificio comunale: la torre campanaria resta silenziosa testimone nei secoli a ricordarci la Fede dei nostri padri. La Parrocchia di Varano Borghi era “delegazione Arcivescovile” dal1909. Fu il Card. Eugenio Tosi a proporre il distacco da Ternate nel 1925; lo Stato riconobbe l'erezione della nuova Parrocchia il 25-8-1926, con decreto reale firmato da Sua Maestà Vittorio Emanuele III. Vennero depositate £ 72.000 in curia quale beneficio per la parrocchia, somma tutt'ora conservata.





Sito della Parrocchia Divino Redentore in Varano Borghi. Indirizzo: Via Trento 4, 21020, Varese. Numero di telefono e fax 0332.960.173
© Parrocchia Divino Redentore